Rocce e Legni presi in natura. Come sceglierli?

Se stai pensando di inserire nel tuo acquario delle rocce o dei legni presi in natura… beh ti assicuro che non sei l’unico. Lo fanno quasi tutti gli acquariofili certo è che è un po’ come andare a raccogliere funghi. Bisogna sapere cosa prendere e cosa no.

Rocce, quali scegliere?

rocce in acquario

Sicuramente le rocce hanno il loro fascino in acquario e soprattutto la maggior parte degli ambienti naturali è ricca di rocce e piante. Dobbiamo sapere però che le rocce si dividono in rocce calcaree e non calcaree.

Le rocce calcaree rilasciano dei sali in vasca che vanno a cambiare alcuni valori, soprattutto il Ph, quindi è bene sapere con quali pesci metterli e con quali no. Questo genere di pietre è prediletto dai Ciclidi Africani, mentre la maggior parte dei caracidi non apprezza per niente questo genere di rocce.

Come faccio a sapere quali rocce sono calcaree?

Questo è un esperimento abbastanza semplice. Basterà mettere un po’ di Viakal sulla roccia, se frigge allora è calcarea! Facile no?

Inoltre ti basterà sapere che le rocce come l’ardesia, il quarzo o le rocce laviche non sono calcaree e potrai inserirle tranquillamente in acquario.

Mentre le rocce tipo il marmo o gesso invece lo sono.

Evitate di inserire rocce marine o trovate vicino al mare perché sono decisamente incompatibili con gli acquari di acqua dolce.

Quando trovate una roccia in natura, fate attenzione che non sia tagliente, altrimenti ferirà i vostri pesci.

Legni. Posso prenderli in natura?

legni presi in natura per acquario
Set of dry tree branch on white background

Anche in questo caso la risposta è affermativa. Potremo prendere dei legni trovati in natura e inserirli in acquario, ovviamente dopo un dovuto trattamento. C’è da dire però che non tutti vanno bene, inoltre per legge è vietato tagliare gli alberi e in alcune zone anche portare via ciò che trovate per terra. Quindi prima di farlo informatevi bene sul da farsi!

Quali legni posso inserire?

Diciamo che vanno bene tutti i legni che non sono entrati in contatto con sostanze chimiche come per esempio i pesticidi o inquinanti. Di seguito un breve elenco:

  • Il Faggio
  • Il Cipresso
  • La Quercia
  • Il Castagno

Quali legni non si possono inserire?

Tutti i legni che possiedono delle resine quindi un no categorico ai pini, al noce, al cedro, all’acero… insomma tutto ciò che vi rimane attaccato alla mano è altamente sconsigliato da inserire in acquario.

Come faccio a trattare il legno?

È un procedimento un pochino laborioso ma di per sé molto facile. Ecco il procedimento:

  • Togliere tutta la corteccia
  • Immergerlo in acqua per 10 giorni e sostituirla almeno una volta dopo 5 giorni
  • Metterlo a bollire per almeno 4 ore in un pentolone

Una volta inserito in acquario tenderà a cambiare il colore dell’acqua rendendola ambrata. Niente di preoccupante, sta solo rilasciando i tannini.

Consiglio: Tieni monitorati i valori dopo aver inserito i legni o le rocce e agisci in maniera repentina se vedi che qualcosa non va!

Lascia un commento